19 Lug 2010

i-manodopera---africa.jpg

Grande successo, anche quest’ anno, per la ormai consueta chermesse “Estate in Villa”  tenutasi in Villa Clementi a Malo. Proprio qui, tra i vari eventi proposti, abbiamo incontrato I Manodopera, musicisti veneti, che propongono un repertorio che è il risultato di un mix di ska, tango, balcanica, latina …

Nascono nel 1999, per mano e corde vocali di Gianluca Nuti (chitarra, voce) e Mauro Gatto (batteria, percussioni), in collaborazione con Fabio Mion ( fisarmonica, voce), tutti accumunati dalla comune passione per la musica popolare e le culture cosidette”minori”. La proposta e’ una rivalutazione moderna delle musiche popolari, italiane e non, con stile tutto personale e unico, un suono decisamente folk, ma sostenuto da basi ritmiche fortemente ballabili e coinvolgenti, una miscela di suoni che va dai Balcani ai Caraibi, attraverso tutta l’Europa, contaminando e facendosi contaminare in un viaggio musicale attraverso i paesi del mondo.

Hanno esordito nel panorama discografico con un Cd intitolato “Terratradita“, prodotto dall’etichetta indipendente Upr Folkrock, una delle più quotate del panorama underground italiano. Si sono esibiti nei piu’ suggestivi contesti musicali nazionali come il “Ferrara busker festival“, su programmi radiofonici “Caterpillar” radio 2 e televisivi come “Follie rotolanti tour” su Rai 2. Forti di una gavetta da veri “Buskers” I Manodopera sono pronti al debutto , basta ascoltare la versione di “Demasiado Corazon” oppure “Il Treno” o “Terra” per rendersi conto di come un lavoro possa essere contemporaneamente di contenuto ma divertente , di ispirazione “etno” ma non retrò. Ad oggi, la band, è composta da musicisti che trasformano in una grande festa ogni concerto.

CLIKKA LA FOTO PER VISUALIZZARE IL FILMATO

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*

captcha *