20 Mag 2010

  In questo volume si raccolgono tutte le poesie nel dialetto di S. Stino di Livenza (Venezia) edite da Romano Pascutto nell’arco di trent’anni, a cominciare dalla silloge L’acqua, la piera, la tera (apparsa nel 1982, con un’importante premessa di Andrea Zanzotto), che, pur postuma, esprime in forma antologica l’ultima volontà dell’autore, fattosi raccoglitore e selezionatore dei suoi testi più significativi. In essa sono rappresentate al massimo grado le due tendenze più proprie della poesia di Pascutto: quella lirico-narrativa, testimoniata in particolare dai poemetti Storia de Nane (edito la prima volta nel 1963) e La Gigia, esempi di storie individuali di derelitti travolti dalla guerra; e quella più propriamente lirica, testimoniata dalle sezioni L’acqua, la piera, la tera e Tempo de brumesteghe (che aveva dato il titolo anche ad un precedente volume del 1971, comprensivo di tutti i poemetti maggiori, anche di Birt a l’inferno, poi escluso dalla raccolta finale). Accanto a questi nuclei principali, corrispondenti a due fasi in diverso modo compendiarie della poesia di Pascutto, si raccolgono qui anche tutte le altre prove dialettali intermedie, a cominciare dalle liriche politiche «venete», non ancora precisamente «sanstinesi», presenti in Cammino e canto con loro (1953), fino al poemetto I muradori (a corredo di un catalogo di dipinti di Remo Pasetto, 1972) e alle liriche a sfondo personale e intimistico delle raccolte duplici (in italiano e in dialetto) della Crosera de i zingani (1974) e di Foie de tilio (1981). A tutto questo materiale, già noto ma non facilmente accessibile, si aggiunge qui una prima scelta di poesie inedite (specie di carattere rievocativo, autobiografico e familiare), scelte tra tante altre ritrovate tra le carte del poeta. L’intento è di offrire al lettore il quadro complessivo di un’attività lirica appartata e solitaria, diversa ma non indifferente ai grandi modelli veneti concomitanti (Giotti, Marin, Noventa, per fare dei nomi) e non sorda neppure ad esperienze europee, specie simboliste: tale da porsi, per forza nativa, non certo per moduli imitativi, fra le voci poetiche di spicco della poesia vernacola (e non solo vernacola) del nostro Novecento.

Ma chi è Romano Pascutto? eccovi una breve biografia:
Nato a S.Stino di Livenza, nel veneziano, il 7 luglio 1909 da una modesta famiglia di artigiani, nel 1917 dopo la disfatta militare di Caporetto della I guerra mondiale si ritrova con la famiglia profugo a Firenze.Tornato nel Veneto, il padre trova lavoro come sarto nella città friulana di Pordenone dove il giovane Pascutto frequenterà  le scuole tecniche. Qui conosce Armando Pizzinato, che diventerà un noto e apprezzato pittore. Arriva il fascismo e dopo l’assassinio del deputato socialista Gaicomo Matteotti per mano di alcuni sicari vicini al regime di Mussolini, il futuro poeta veneziano prende la decisione di opporsi alla dittatura mussoliniana: per questo motivo subirà anche il carcere come sobillatore antifascista. La nascita della Resistenza all’occupante nazista vede Pascutto in prima linea nelle brigate partigiane operanti nella bassa liventina. Intanto si era sposato con la sanstinese Rina Artico, da cui avevano avuto una figlia, Camilla, dalla quale ebbe grandi ispirazioni poetiche e letterarie nel corso di tutta la sua vita di scrittore, poeta, commediografo, giornalista e organizzatore politico. Dopo la liberazione iniziò a pubblicare alcuni volumi di poesia in dialetto e in lingua (Tempo de Brumesteghe, 1971) e, successivamente, una serie di libri che ebbero grandi consensi di critica, aprendo finalmente la sua opera a notorietà di grande rilievo. Colpito da una grave forma di insufficienza renale, fu costretto ad una continua lotta per la sopravvivenza, anche nel corso del suo mandato di Sindaco di San Stino (1975 – 1980), mentre continuava a scrivere, destando grande ammirazione da parte di illustri protagonisti della cultura Italiana contemporanea. Visse comunque i suoi giorni in totale simbiosi con la famiglia e il suo popolo, lasciando una traccia profondissima del suo genio poetico e dell’impegno sociale e umano che ne ispirò la vita intera. Romano Pascutto è morto all’ospedale di Treviso l’8 aprile 1982. La sua tomba nel cimitero di San Stino, in uno con la moglie e la figlia, raccoglie anche le spoglie del genero Marcello Boccato, recentemente scomparso, che fu un grande ammiratore e sostenitore della sua Opera.
Il Comune di S.Stino di Livenza organizza da anni un premio letterario dedicato appunto alla poesia e alla letteratura nelle lingue locali, già giunta alla sedicesima edizione in onore di Romano Pascutto e Giacomo Noventa (www.sanstino.it)
Il vincitore dell’edizione 2009 è un lombardo di Verano Brianza, Piero Marelli con la poesia:

UL TEMP DI ARADÜR
I
Retruarô de buna céra la lüs minzunàda
daj camp cunt tanti nom. Cumencerànn ‘n bel dì
i giùster di sû e di aqui e ‘n di sö manér de möves
intunarànn ul lövasü di piant a vuréj.
Umbrìj vann via sût a l’udur di rübìn fiurî e sbaréten
i öcc ‘n due la mundàda di erb l’è ul disincantàss di marciapè.
U sentü spungiùm ul petegà del sgurbàt,
rabelà del tradiment di celest che chì
ànn smurzâ ‘stî campagn e i sö dinturna.
U sentü
la gremègna difèndes a cüntà l’urdinaria ‘bundànza
del so permétes, û sentü ul cighezìn pert
ul fil dopu tüta ‘na giurnada, û sentü i stagium
vegnì de scundùm e andà via recugnusü.
Quand ô metü denanz a tücc
i stess sumènzi prunt a murì e ul mè spetascè
s’genugiàss denter ‘n respund curtès.
Lasi tütt quest
a vjôlter che mì ‘scultâ cunt ‘na fis’ciadìna tra i dinc
buna per zinzunà depernüm.
II
L’ôltra sücürèza l’è certament
‘n di tanti ropp visibil che firmen
‘n so ves chì, per lasàm liber
de regöj quel che se pö no duperà
cume baléta, quel zabetà sutavûs
per minga desedà i laciutèj che dôrmen
stravacâ a l’umbrìa, l’unda a burdèll
‘n due gh’è ‘n pericul la de lûr inucènza e quel che cünta.
Ma inucènt înn restâ i föj, l’aqua che sturzìa i brocch
e ul sû che a prima sira ‘l gh’éra amò tanti ropp de cüntà.
Alùra se pö andà ‘nanz a fa cres ‘stô sbatt di pàlpret,
catà mor sûl senté trainsèma da la pulver,
tütt quel che gh’è cunt ’n gir inturna aj campagn,
‘na strurièla
denter i stôri, gnient’ôlter da ‘n necesàri burlà del fien
sûj prà de magg, môrt giügàda ‘n paragùm cunt l’ôlter
murì pruvisòri di funtanèj a dicember.
Adess ô ‘scultâ ul ripétes de la nina-nana
cunvint de carezà ‘na nocc splendenda,
e catasü invéci la sügüra cadèna di stremizi
che nanca ‘na bunùra scancelarà maj del tütt. Epür ul mè tradiment
l’è ‘n cünt a dispett e reüsìda, rimbùmb se maj
de ‘n ‘ôltra pasciènza, per conclüd quel che g’apartegn
per mérit de la gûta che l’à minga vurü andà via
da la föja.
Per ligà sûj vôster scinivèj l’inmagin
di bagàj che giüghen a scùndes.
Per ligà insèma ul dispiesè di bricch
sènza pü i sö busch a quel’ôltra di sulch
lasâ aj prèj, prutegiü dumâ daj verdùm
che dûma lûr înn stâ bum de quatàj
‘n del lunch invernu de silenzi.
III
Tì, ‘sculta! Adess ‘n stî löch supravif amò
l’ambizium di viper, l’incumprensibil predicòzz de la fuìna,
ul rudegà de la musca incupatibil cunt la nôstra pasciènza.
E per sügütà. La spantegàda di stagium l’à minga tegnü de cünt
i cunfin del trapùm
e la cunsuetüdin di grill
premurusa vers la sira. Prim tempural ‘n del mes
ch’el reclamava ‘n sò bel laurà de piuvüda necesaria:
quest l’è ul furment squasi prunt che n’ôltra völta
duarà ves ranzâ, la cantàda del cighèzz
cume üniga campana in giurnàt vulentéra, i quaj rintùcch
apartègnen anca ‘l nôster desideri de desquatà i temp.
A la fin resülterànn acetàbil ‘stî löch
de busch e d’aradür, decis denter ‘n respund de tücc.
’Stî sulch ànn fâ dumand! Ma l’è ’na domanda
ul vent? ‘na domanda la préa? E ‘stî terr înn salvi?
E se înn no, che fôrza def salvaj? ‘na disübidiènza
prunta a divit ul vif dal murì?
Quel sparî dal noster öcc ma nonamò daj noster ven?
Dumandà sènza rimpiant e purtà
sûj spall l’indüinàda di sumenzi, intrüpâ da ‘na tèra
che l’è ‘n cantùm de tütt ul mund
‘n due înn deslenguâ i panzàn, che ‘n del sò sügütà
di völt ànn regalâ culur a tanti facc
‘l cantà de la parasciöla che su no da due ‘l vegn. Ma ‘l vegn.
IL TEMPO DELLE ARATURE
I
Ritroverò accogliente la luce pronunciata
dai campi con tanti nomi. Cominceranno un giorno
le giostre dei soli e delle piogge e nel loro modo di muoversi
intoneranno l’alzarsi degli alberi ad accoglierli.
Ombre vanno via lungo l’odore delle robinie fiorite e alzano
gli occhi dove la scelta delle erba è il disincanto dei marciapiedi.
Ho sentito pungente il balbettare della cornacchia,
discutere del tradimento degli azzurri che qui
hanno spento queste campagne e i suoi dintorni.
Ho sentito
la gramigna difendersi raccontando l’ordinaria abbondanza
del suo permettersi, ho sentito il falcetto perdere
il filo dopo tutta una giornata, ho sentito le stagioni
venire di nascosto e andarsene riconosciute.
Quando ho messo davanti a tutti
le stesse sementi pronte a morire e il mio dialetto
inchinarsi in una risposta cortese.
Lascio tutto questo
a voi che mi avete ascoltato con una fischiatina tra i denti
adatta per camminare in solitudine.
II
L’altra fede è sicuramente
nelle molte cose visibili che firmano
un’inequivocabile presenza, lasciandomi libero
di raccogliere quello che non si può usare
come metafora, quel parlare sottovoce
per non destare i bambini che dormono
sdraiati nell’ombra, l’onda sonora
dove è in pericolo la loro innocenza e il loro significato.
Ma innocenti restarono le foglie, la pioggia che piega i rami
e il sole che al tramonto aveva ancora molte cose da dire.
Allora si può procedere moltiplicando questa cadenza delle palpebre,
raccogliere more lungo il sentiero messo insieme dalla polvere,
l’infinito studiato con un giro intorno alle campagne,
una semplice storia
dentro le storie, nient’altro da un necessario cadere del fieno
sui prati di maggio, morte giocata in similitudine con l’altro
morire provvisorio delle risorgive a dicembre.
Ora ho ascoltato la replica della ninna-nanna
nella convinzione di accarezzare una notte splendente,
raccogliendo invece la sicura catena degli spaventi,
che nessuna alba cancellerà mai del tutto. Eppure il mio tradimento
resta una somma a dispetto e vittoria, eco semmai
di un’altra pazienza, per concludere quello che ci appartiene
grazie alla goccia che non ha voluto andarsene
dalla foglia.
Per fasciare sulla vostra fronte l’immagine
dei ragazzi che giocano a nascondersi.
Per congiungere il dispiacere delle colline
senza più i loro boschi a quell’altra veduta dei solchi
lasciati alle pietre, protetti soltanto dai sempreverdi
che soltanto loro sono stati capaci di proteggerli
nel lungo inverno di silenzio.
III
Ascolta! Adesso in questi luoghi sopravvive ancora
l’ambizione della vipera, l’incomprensibile ammonimento della faina,
l’impulso della mosca incompatibile con la nostra pazienza.
E ancora. La distribuzione delle stagioni non ha rispettato
i confini della talpa
e la consuetudine del grillo
premurosa verso sera. Primo temporale nel mese
che reclamava un suo capolavoro di pioggia necessaria:
questo è il grano quasi pronto che un’altra volta
dovrà essere tagliato, il canto del falcetto
come unica campana di giorni riusciti, i cui rintocchi
appartengono al nostro desiderio di scoperchiare i tempi.
Alla fine risulteranno accettabili questi luoghi
di boschi e d’arature, decisi dentro una risposta comune.
Questi solchi hanno fatto domande! Ma è una domanda
il vento? Una domanda la pietra? E queste terre sono salve?
E se non lo sono, cosa deve salvarle? Una disubbidienza
pronta a separare il vivere dal morire?
Quello sparito dai nostri occhi ma non ancora dalle vostre vene?
Domandare senza rimpianto e portare
sulle spalle la rinascita delle sementi, assoldati da una terra
che è un angolo di tutto il mondo
dove si sono sciolte le favole, che nel loro procedere
alle volte hanno regalato colore a tante facce
al canto della cinciallegra che non so da dove arriva. Ma arriva.

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*