20 Set 2010

 Chi è affetto da SLA perde le funzioni legate al sistema motorio ma, per fortuna, mantiene intatte tutte le funzioni mentali, sensoriali, sessuali e sfinteriche. La SLA è una malattia rara le cui cause sono ancora sconosciute. Nel nostro paese si contano, in media, 3 nuovi casi al giorno con una incidenza di circa 6 ammalati su 100.000 soggetti. Ad oggi non esiste una terapia in grado di guarire dalla malattia, le cure possono solo rallentarne il decorso. L’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica è guidata dal Dott. Mario Melazzi, medico, affetto da SLA, che da anni si impegna a sensibilizzare l’opinione pubblica per raccogliere fondi da destinare alla ricerca. Per chi volesse aiutare ulteriormente l’associazione è stato attivato un numero solidale 45508 che fino al 3 Ottobre permetterà di donare 2 euro per SMS ricevuto da qualsiasi telefono fisso e mobile. I fondi raccolti saranno devoluti al Laboratorio di Neurobiologia Molecolare dell’ Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano.  Queste le parole dell’ Assessore Provinciale all’ Innovazione e alle Politiche Giovanili Andrea Pellizzari: “E’ un grande onore organizzare questo importante evento di solidarietà che rende atto di una propensione alla solidarietà e al volontariato di una città come Arzignano e di un’intera provincia che in quella giornata saranno l’epicentro di una giornata di mobilitazione nazionale promossa da anni con impegno e dedizione dall’associazione Aisla condotta dalla coppia di instancabili campioni come il prof Mario Melazzini e l’artista Ron che hanno trovato nel sindaco Giorgio Gentilin e nell’assessore Mattia Pieropan dei convinti sostenitori capaci di dare concretezza a questo sogno”.

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*