27 Set 2010

 Il mercatino ha proposto manifatture del periodo, pietanze del periodo e… “bellezze del periodo attuale” rigorosamente in costume. C’erano gli sbandieratori, con i loro spettacoli, i falconieri, con esemplari unici di rapaci, e pure i soldati, che si sfidavano al Tiro con la Balestra. Un suggestivo evento che invitiamo tutti a vivere la seconda domenica di ogni Settembre, in un borgo che già, a qualsiasi periodo dell’ anno, ti proietta nella storia. 

/arzignano_03.jpgNella stupenda mappa del 1618 di Girolamo Roccatagliata, il complesso fortificato appare in tutto il suo splendore. Una cortina muraria di 650 metri con dieci torri e due porte: porta Cisalpina verso Villa del Piano (Arzignano) e porta Calavena verso la vallata dell’Agno. Risultano evidenti il Mastio, probabilmente nuovamente restaurato ed ampliato in quel periodo, e l’antica chiesa di Santa Maria, poi ricostruita nel 1836 nelle forme attuali.

 

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*