16 Apr 2011

Monsignor Beniamino Pizziol ha accolto con commozione la nomina decisa dal Papa. «Gli elementi per essere travolti dall’emozione – ha detto – ci sono tutti. Mentre ero immerso, con il cuore e con la mente, nella preparazione della tanto attesa visita del Papa, il patriarca di Venezia Angelo Scola mi ha comunicato la decisione del Santo Padre. Dopo un iniziale smarrimento, dovuto alla constatazione della vastità e della consistenza di questa diocesi, ho ritrovato presto la serenità e la pace interiore, affidandomi totalmente alla Grazia del Signore e accettando in spirito di leale obbedienza la decisione del Santo Padre. Ho conosciuto la decisione del Pontefice – ha rivelato – per bocca de patriarca lunedì scorso (11 aprile). Pur avendo sentito fare più volte il mio nome a Vicenza, mi aspettavo che, alla fine, la scelta sarebbe caduta su qualcun altro, perchè non cercavo nè mi aspettavo questo incarico. La mia prima reazione è stata quindi di timore e smarrimento, specie dopo aver visto i dati della mia nuova diocesi, la decima d’Italia per grandezza. Mercoledì, delegando ad altri gli impegni che avevo in programma, ho portato a Roma al nunzio apostolico la mia lettera di accettazione. Ai vicentini (ai quali ha scritto una lettera) non ho parlato di programmi, ma ho solo detto che li sento parte della mia vita di fede. Ho chiesto loro solo di pregare per me e mi sono affidato alla Madonna di Monte Berico».

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*