24 Giu 2011

 

I pronostici sono per un posizionamento fra i primi dieci assoluto (circa 70 i partecipanti al via), lo staff spera che l’atleta si posizioni primo fra gli italiani anche se un uragano, in Kansas, ha rallentato di molto la sua corsa. Non male, per essere la prima volta del vicentino alla Raam. Aste ce l’ha messa tutta, si è buttato a capofitto sull’avventura americana, sbaragliando anche i colleghi più esperti, che di Raam ne hanno viste e percorse più di una. Il vicentino, infatti, ha 30 ore di anticipo rispetto alla tabella di marcia classica, tanto che le previsioni lo danno al traguardo già per domani mattina, mentre invece il termine della gara è previsto per domenica. La speranza del team è vederlo primo tra gli atleti italiani, sesto nella classifica generale. «Sarebbe la più bella soddisfazione – ammettano via telefono i tecnici che lo supportano – anche perché Paolo Aste è alla sua prima Raam, mentre gli altri italiani sono tutti veterani. Noi ci crediamo. Però teniamo i piedi a terra, tra oggi e domani potrebbe succedere di tutto». Quanto accaduto nei giorni scorsi, infatti, ha insegnato al gruppo vicentino che la situazione può cambiare da un momento all’altro: lo ha dimostrato il rischio uragano in Kansas. Aste, comunque, ha dimostrato la tempra giusta e, dopo lo spauracchio “climatico” è riuscito anche a riderci sopra, come ha dimostrato in una video intervista. «L’uragano non ci ha portato via! Continuate a seguirci».

Ecco di seguito gli ultimi video e, in ultima, la video intervista.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*