02 Mag 2011

66 anni fa si concludeva la Guerra di Liberazione in Italia. La lotta vittoriosa contro il nazifascismo ha promosso i valori di Libertà, Democrazia e Uguaglianza che tuttora vigono con la nostra Costituzione. Con l’8 settembre 1943 dopo l’armistizio di Cassibile e il dissolvimento dell’esercito italiano rimasto senza ordini, comincia il dramma della guerra civile che ha contrapposto giovani italiani contro i loro coetanei per circa tre anni. Il Centro Studi Storici “Giovanni Anapoli” di Montecchio Precalcino ha voluto quest’anno dedicare alla Resistenza locale un  grande affresco visivo sulle vicende che hanno fatto la storia della Liberazione nel territorio locale di Montecchio Precalcino. Il film-documentario racconta perciò il conflitto come è stato vissuto dalla stragrande maggioranza dei giovani e meno giovani che si sono combattuti per ideali opposti. Un quadro emblematico di divisione ideologica “ fratelli contro fratelli” rappresentativo della situazione complessiva che viveva allora il Nord-Italia, invaso dalle truppe naziste dopo la dichiarazione di Badoglio. A Montecchio Precalcino 90 collaborazionisti, 50 militanti nel partito fascista “repubblichino” militarizzato nelle Brigate Nere, tra cui alcuni che si sono macchiati anche di crimini efferati, si sono contrapposti a oltre 360 giovani che si sono rifiutati di collaborare con il nazi-fascismo. Una guerra fraticida raccontata attraverso la testimonianza del Partigiano Palmiro Gonzato che ci accompagna nei luoghi in cui accaddero i fatti storici. Oltre a Gonzato raccontano le loro vicende anche altri patrioti come il comandante “ Ettore” il dott. Arrigo Martini. Lo sguardo indagatore del film-documentario, scritto da Pierluigi Damiano Dossi “Busoi” continua viaggiando nel passato storico dei fatti citando le centinaia di persone che hanno combattuto non solamente come partigiani in Italia, ma anche come “resistenti” nei fronti europei: in Russia come Romano Dal Lago scomparso recentemente a 102 anni o in Spagna come Francesco Campagnolo “ Checonia” che ha partecipato alla Guerra civile spagnola a  fianco del Governo repubblicano legittimo nel 1936. Il filmato, ricco di citazioni e avvenimenti è una traccia da cui in seguito approfondire ulteriormente le memorie dei fatti, con la pubblicazione di episodi singoli come per  esempio la “battaglia di Dueville” avvenuta il 27 aprile 1945 tra i partigiani locali assieme al gruppo di Levà di Montecchio Precalcino contro i nazisti in fuga.

 

 

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*