23 Gen 2011
Rcs Cronenberg – Isello Vernici Valdagno 1-4

RSC CRONENBERG: Berenbeck, Brandt, Haupt, Metz, Boogert, Welthe, Bernadovitz, Paczia, Nusch. All. M. Berenbeck
ISELLO VERNICI VALDAGNO: Vallortigara, Travasino, Randon, Antezza, Pranovi, Bertagnin, Tataranni, Rigo, Oviedo. All. Marozin
Arbitri: E. Armati (Svi) e R. Eggimann (Svi)
Reti: pt 10’ Antezza (IV), 12’ Tataranni (IV), 16’ Bernadovitz (C), 18’ Tataranni (IV), 18’59” Antez-za (IV).

La Isello fa il blitz in casa dei campioni di Germania e mantiene il comando del girone D di Eurolega a punteggio pieno. E’ stata una trasferta pesantemente condizionata dagli infortuni prima (Nicolia a casa con dieci punti di sutura al basso ventre) e durante l’incontro (Travasino con sospetto stiramento nei primi minuti di gara), oltre all’assenza preannunciata di Panizza per motivi di lavoro. Isello a Wuppertal, quindi, in grande emergenza. Ma nemmeno queste difficoltà sono riuscite a colmare il tasso tecnico fra le due formazioni. E’ stata una Isello che ha saputo fare benissimo di necessità virtù, mettendo al sicuro il risultato nella prima frazione per poi gestire la ripresa senza assumersi rischi.
Il tecnico Marozin ha scelto uno starting five con Oviedo, dietro Rigo e Travasino, davanti Antezza e Tataranni. Ad accendere i fuochi è stata una bordata di Rigo, poi ci ha provato Travasino, ancora Rigo, ma l’estremo tedesco si è sempre superato. Intorno all’8’ in un contrasto Travasino è rimasto infortunato (sospetto stiramento) e non è più rientrato. Lo ha rilevato Randon, fornendo una prestazione di spessore. La Isello non ha smesso di premere e ancora una volta il portiere tedesco ha fatto un miracolo su Antezza. Dall’altra parte Oviedo si è superato su Coelho. La Isello difende con ordine e punge, ma la difesa del Cronenberg resta compattissima. Al 10’ però su assist di Tataranni tocco al volo di Antezza che insacca: 1-0. Il Cronenberg non si sfalda, continua a proporre una difesa ermetica, ma una gran girata di Tataranni (12’) produce il 2-0. L’unico sussulto del match arriva al 16’ quando su contropiede tedesco (viziato da un fallo su Tataranni) Bernadovitz ri-esce a trovare lo spiraglio giusto: 2-1. Gioia di breve durata perché prima Tataranni (18’, su punizione di Antezza) e poi Antezza (18’59”, assist di Tataranni) mettono il sigillo virtuale al match. Negli ultimi minuti spazio pure per Pranovi al posto di Tataranni (durante la prima frazione ccontusione alla caviglia, recuperato poi con un bendaggio funzionale).
Ripresa. La Isello va con Oviedo, Rigo e Randon, Antezza e Tataranni. Ci sono fasi concitate e dei repentini cambi di fronte. Il Cronenberg tenta di dare una svolta al match, ma la manovra tedesca risulta troppo lenta e la Isello non ha difficoltà a controllare. Spazio quindi ancora per Pranovi al posto di Antezza. Gli arbitri vedono un fallo in area della Isello, c’è rigore ma Oviedo incanta Bernadovitz. Dentro ancora Antezza e fuori Pranovi. Arriva un altro acuto di Tataranni, ma stavolta a dire no è la traversa. Intorno al 20’ siparietto tragicomico: un arbitro assegna il blu a Tataranni, il collega un fallo in favore della Isello. Alla fine prevale il cartellino, con la Isello in inferiorità numerica. Che, comunque, a 24” dalla fine ha un altro acuto: punizione di prima di Tataranni con l’estremo tedesco che stoppa alla grande. Va bene così, Isello über alles!

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*