18 Mar 2010

L’iniziativa europea avrà il Nordest fra i maggiori protagonisti: la green economy si può infatti già configurare come un motore di business e ambientale diverso e innovativo per territori sempre all’avanguardia e ora alle prese con una crisi senza precedenti. Gli eventi, promossi da Habitech Distretto Tecnologico Trentino per l’energia e l’ambiente, il portale Energheia Magazine, eAmbiente e Consorzio di Sviluppo Polesine con la collaborazione di Veneto Innovazione, Eurosportello Veneto di Unioncamere del Veneto ed Enea,  godono del patrocinio della Regione del Veneto, della Provincia di Trento, nonché della collaborazione del Ministero dell’Ambiente e del sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia.

Nel corso della presentazione è emerso un appello a chi guiderà il Veneto dopo il 28 marzo perché si superi il gap fra politica ed economia nel campo delle rinnovabili: “La regione, ad esempio – spiega Arturo Lorenzoni, docente di Economia delle Fonti di Energia all’Università di Padova e fra gli ispiratori di GREENordEsT Week – rappresenta l’area di elezione del fotovoltaico nazionale. Complessivamente è veneta oltre il 60 per cento della produzione nazionale di celle e quasi il 50 per cento dei moduli, con una concentrazione industriale di grande significato”. A fronte di questo però, il Veneto, al contrario di quanto avviene in Trentino, è sotto la media nazionale per potenza fotovoltaica installata.

 

Il Nordest italiano punta a diventare un’area metropolitana green e comincia a unire i tasselli di un sistema industriale nuovo, meno energivoro e in linea con un sistema residenziale e di consumo più sostenibile, meno congestionato e dipendente da gas e petrolio – spiega per gli organizzatori di GREENordEsT Week Paolo Gurisatti, presidente di Habitech –. Il modello è la rete di comunità sostenibili e sicure: autonome dal punto di vista energetico, capaci di integrare l’identità produttiva con uno stile di residenza di alta qualità”.

Gli eventi triveneti della Settimana Europea accompagnano alla scoperta delle eccellenze, replicabili, che già il Nordest possiede: dalle buone pratiche che uniscono attività legate alla produzione di energia con altre attività montane, all’integrazione fra distretti industriali e comunità locali; dallo sviluppo del fotovoltaico e della mobilità sostenibile nell’asse metropolitano, fino allo crescita integrata delle energie sostenibili nelle aree rurali.

Si inizia con un convegno di apertura al Vega Park di Mestre il 19 marzo, si prosegue con le visite della cittadinanza e delle scuole ad alcune eccellenze della green economy il 20 marzo; dal 22 al 25 si terranno invece workshop territoriali a Belluno, Verona, Padova e  Rovigo; la conclusione è affidata ad un dibattito televisivo a Trento il 26 marzo sul ruolo del Trentino nella green economy. E per gli istituti tecnici superiori sono in programma laboratori in classe: i ragazzi saranno accompagnati nella costruzione di un pannello solare-termico.

La partecipazione a tutte le iniziative è libera e gratuita.

 

Info: www.energheiamagazine.it,    eusew_nordest@energheiamagazine.eu

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*