20 Ago 2010

 Da tempo di sta costruendo a Passo Coe nel comune di Folgaria un sistema di seggiovie che creerà un anello di trasporto per sciatori tra il Trentino e il Veneto. In questi giorni è in costruzione la seggiovia di Malga Piovernella che sale verso Costa d’Agra con le relative piste da sci. Questi impianti, come quello che sale per Monte Pioverna, si collegheranno con il versante vicentino della Val delle Lanze. Per garantire la presenza di neve anche quando le precipitazioni sono sfavorevoli la società Carosello Ski Folgaria Spa sta mettendo in cantiere anche un invaso d’acqua all’interno della ex base missilistica Nato dismessa dagli anni 70,ora di proprietà comunale. Attraverso condutture, l’acqua prelevata dalle sorgenti di valle verrà convogliata in questo nuovo bacino artificiale. La protesta non si fa attendere e come è successo per la parte vicentina a Lastebasse di qualche tempo fa, anche in Trentino si teme per il degrado ambientale, il consumo eccessivo d’acqua prelevata da sorgenti più a valle e sperpero di denaro pubblico.

 In un recente convegno pubblico promosso a Trento nel febbraio 2009, l’associazione ambientalista Folgaria235 ha denunciato: ” preoccupante è notare come non si tratti solo del prevalere di un potere, quello economico, su quello politico, che permette al primo di condizionare quest’ultimo e forzare le sue scelte, quanto della piena adesione, della consonanza delle intenzioni di entrambi. Entrambi infatti, potere economico e politico, sposano un’idea di sviluppo che consiste nella distruzione dell’ambiente, nel saccheggio delle risorse, nello sperpero di ricchezza pubblica, e si misura in termini puramente quantitativi, spingendo le sorti degli abitanti del trentino verso un punto di non ritorno che conosciamo meglio degli altri perché ci vede impegnati nella battaglia per impedire la concretizzazione di un “piano di sviluppo”, così viene definito, di proporzioni gigantesche. Il numero degli impianti di cui si prevede la realizzazione tra gli altipiani e i confinanti comuni del Veneto, seppure più brevi e con tipologia diversa, sono 7, cui si deve aggiungere una seggiovia già realizzata (sono 3 a Pinzolo, uno a passo Rolle, un altro a Tremalzo). Gli investimenti previsti a cavallo fra Trentino e Veneto assommano a 70 milioni di euro, più di quelli previsti per Pinzolo Rolle e Tremalzo messi insieme”. Diverse le opinioni degli investitori e della società che dichiarano di fare solo gli interessi della collettività locale per dare più vitalità al Turismo montano. Già nel sito di Carosello Ski si promuovono le tre future seggiovie con le nuove piste che permetteranno il collegamento dell’Area Folgaria (Trentino) con Alpe Fiorentini (Veneto). Questo permetterà quindi un incremento complessivo dell’area di ben 7 impianti e 9 piste. In più per gli snowboarder la nuova SkiArea Folgaria-Fiorentini offrirà 2 snowpark: “Jurassik Snowpark” a Fiorentini e “Mazinga Park” a Fondo Piccolo.  Le novità in particolare:

Seggiovia 4 posti automatica “Malga Piovernetta – Termental” Seggiovia 4 posti automatica “Malga Piovernetta – Monte Pioverna” Seggiovia 4 posti automatica “Val delle Lanze – Costa d’Agra”
Le nuove piste:  “Strafexpedition” azzurra”Bersaglieri” rossa”Ribes Rosso” rossa”Variante Ribes Rosso” azzurra
Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*