18 Ago 2010

 Con l’adesione di almeno 34  Comuni veneti e trentini chiamati a farne parte, viene istituito un vasto comprensorio che partendo dalla pianura sale in montagna. Alla giornata di commemorazione hanno partecipato una folta rappresentanza di autorità locali, tra cui l’assessore della Provincia autonoma di Trento, Alessandro Olivi, il presidente del consiglio provinciale, Gianni Kessler, l’assessore regionale Margherita Cogo. i sindaci di Folgaria e di Schio, la rappresentante della Provincia di Vicenza Maria Nives Stevan, le rappresentanze d’arma e l’ANPI. Il Comune di Folgaria ha voluto dedicare alle vicende della Guerra contro il nazifascismo una MOSTRA allestita nel Maso Spilzi a Costa di Folgaria: Feuer!, i grandi rallestramenti antipartigiani dell’estate 1944 tra Veneto e Trentino. Aperta dal 1 agosto, la mostra pone in luce il contesto della guerra partigiana in una determinata area, quella tra le province di Trento e e di Vicenza e in questo periodo particolare, quello del’estate 1944. Se si esclude il momento propriamente insurrezionale dell’aprile-maggio 1945, fu questo il periodo in cui il movimento partigiano raggiunse il massimo di espansione e di sviluppo. Nel percorso espositivo hanno trovato spazio non solo le formazioni partigiane, ma anche i reparti tedeschi impegnati nei rastrellamenti, unità formatesi nella lotta alle bande sul fronte orientale e nell’Italia centro-settentrionale. E’ in questo quadro che è stato inserito l’eccidio di Malga Zonta del 12 agosto 1944.

Maso Spiltzi  

maso-spiltzi-folgariaMaso Spilzi, di proprietà del comune di Folgaria dal 1985, è l’unica testimonianza di costruzione rurale fortificata in Trentino. Il maso – castello risale alla metà del ‘700 trovando la sua particolarità, appunto, nella fusione tra residenza nobiliare fortificata e maso rurale. All’interno del muro che proteggeva il cortile interno, era presente un camminamento pensile costruito con lastre di pietra di cui oggi rimangono visibili solo le mensole su cui poggiava. Sul lato occidentale la presenza di un precedente ponte levatoio è testimoniata dai fori di scorrimento delle funi Oggi Maso Spilzi, pur mantenendo quasi intatte le caratteristiche storiche che lo rendono una delle memorie materiali più interessanti degli altipiani,ospita al suo interno un articolato spazio espositivo ed è sede della Club House dell’adiacente campo da golf. Nell’ex fienile e nella ex stalla, durante il periodo estivo vengono organizzate mostre ed esposizioni d’arte, nonché concerti di musica classica di livello internazionale.In altri settori dell’edificio sono stati allestiti da parte del Servizio forestale e del Servizio Attività Culturali della Provincia di Trento due percorsi multimediali aventi per tema, uno Tracce sulla neve ,il rapporto dell’uomo con la neve e l’altro la foresta ed il Biotopo di Ecchen.Quest’anno nell’ ex stalla è stata allestita la mostra Feuer! I grandi rastrellamenti antipartigiani dell’estate 1944 tra Veneto e Trentino a cura di Lorenzo Gardumi e della Fondazione Museo storico del Trentino.Nell’ ex fienile è presente la mostra d’arte Grott 2010 – “Cirillo e Florian” Sculture e pittura a più voci. E’ una mostra che rende omaggio all’artista folgaretano prematuramente scomparso mettendolo a contatto con l’esperienza del figlio Florian.Vicino al Maso quest’anno sono state inaugurate le prime tre sculture lignee di quello che diverrà col tempo un ” bosco delle statue” avente nome “I guardiani del Maso”. 

Tutte le esposizioni hanno il seguente orario, dal Lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 elle 19. Rimarranno aperte fino al 12 settembre.

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*