29 Apr 2011
La giornata di giovedì 28 aprile scorso, a 1.600 metri di altezza, non era certo primaverile sferzata com’era dal vento e dal nevischio, ma il giovane rapace non si è perso d’animo. Appena Fagan ha aperto gli sportellli della capiente gabbia, l’aquilotto si è lanciato subito tra le nubi del cielo recoarese. Oltre all’aquila reale sono state rilasciati altri tre rapaci: due gheppi e una poiana.
Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*