09 Feb 2012

A tagliare il nastro, questa mattina, c’erano l’ Assessore Provinciale all’ Edilizia Scolastica Nereo Galvanin, il Sindaco di Thiene Maria Rita Busetti, il dirigente dell’ Ufficio Scolastico provinciale Franco Venturella, la dirigente scolastica del Corradini Maria Piera Pegoraro e don Antonio Guarise che ha benedetto l’istituto e chi lo frequenta. C’ erano, naturalmente, anche rappresentanti degli insegnanti e dei genitori:  ma c’erano soprattutto gli studenti, l’ anima della scuola, a cui è stato affidato anche il compito di aprire la cerimonia di inaugurazione con l’ esecuzione di alcuni brani musicali e la lettura di testi classici.
“E’ con entusiasmo –ha esordito Galvanin- che oggi vi offriamo un luogo dove imparare e dove crescere. Un entusiasmo che di certo condividiamo con gli insegnanti, con il dirigente e con il personale scolastico, perché noi abbiamo costruito il contenitore, ora spetta a voi riempirlo con i contenuti e rendere questo edificio una scuola. Sarà per voi una seconda casa dove formarvi come persone e come cittadini. Qui troverete le armi che vi aiuteranno ad affrontare il futuro e a vincere le sfide che vi aspettano.”
Anche la Provincia ha una sfida: completare l’ edificio realizzandone l’ ultimo stralcio per unificare qui tutti gli studenti del Corradini. “I lavori sono già inseriti nel Piano delle Opere della Provincia –ha specificato l’ assessore- e rappresentano una priorità, per cui saranno i primi a partire non appena si sbloccheranno i vincoli e reperiremo fondi necessari.”
Un impegno che sta a cuore anche alla dirigente Pegoraro, che non ha esitato a definire la nuova sede un vero e proprio “Paradiso”, ma che vorrebbe offrire questo paradiso a tutti i suoi studenti.
“Stiamo completando la Cittadella degli Studi di Thiene –ha aggiunto la Busetti- un luogo dove la scuola non si identifica semplicemente con un’ aula, ma diventa un vero e proprio stile di vita, un luogo di crescita e di aggregazione per i ragazzi, con servizi a loro disposizione. Verrà completato il Corradini e faremo la mensa, esattamente come dice il nostro Pat.”
“Ringrazio la Provincia –ha affermato Venturella a nome dei presenti- e in particolare l’ assessore Galvanin che ha dato un forte impulso all’ edilizia scolastica di tutto il vicentino. Una scuola bella deve essere stimolo a fare bene il proprio dovere di studenti e a formare quella comunità e quelle relazioni su cui si costruisce il mondo dell’istruzione.”
Un impulso che avrebbe potuto dare risultati ancora maggiori se, come lo stesso Galvanin ha ricordato, i vincoli normativi non avessero bloccato nelle casse della Provincia i 16milioni di euro di lavori approvati pronti ad essere appaltati e i 12,5milioni di euro di opere finanziate per le quali predisporre la progettazione. “Sul completamento del Corradini –ha concluso l’assessore- c’ è l’ impegno mio e quello del Presidente Schneck. Purtroppo la riforma in atto sulle Province non ci lascia molti margini di manovra, ma finché ci lasceranno proseguire, faremo il possibile per portare a termine questo progetto.”

 

 

Riguardo l'autore
L'informazione di punta

Lascia un commento

*